Tag

, , , , , , , , ,

Procuratevi subito del grano da far germogliare: ne faremo uno splendido centrotavola e dei segnaposti per festeggiare la Pasqua…

L’idea mi è venuta pensando ad una tradizione del Giovedì Santo che consiste nel portare in chiesa dei vassoi di germogli di grano, decorati con fiori e nastri, per addobbare l’altare durante il rito dell’adorazione eucaristica.

Solitamente il grano si fa germogliare al buio affinchè gli steli risultino di un colore giallo che ricorda il grano maturo, da cui si ricava la farina e dunque l’ostia che viene utilizzata per la celebrazione dell’Eucaristia.

Io invece voglio che i miei germogli ricevano tutta la luce possibile, in modo da diventare verdi splendenti e da ricordare i prati che in primavera ricoprono i campi.

Ecco quello che dovete fare (per adesso):

Tenete il grano in un recipiente con acqua tiepida per qualche ora e nel frattempo scegliete dei recipienti in cui vi piacerebbe che il vostro grano germogliasse. Vassoi bassi e sottovasi sono perfetti. Ricoprite con dell’ovatta o un po’ di terra. Io mi ritrovavo della torba, che mi è sembrata ottima per farvi aggrappare le radichette del grano… Infine spargete i chicchi in maniera uniforme senza né lasciare vuoti nè facendoli accavallare troppo.

Inumidite ogni tanto col nebulizzatore e vedrete che nel giro di un paio di giorni cominceranno già a spuntare le radici, che vedrete infilarsi nella terra come delle sondine… le quali devono sicuramente avere qualche proprietà  magnetica:  non potete fare a meno di dare un’occhiata ogni volta che passate lì vicino, tanto che vi sembrerà che i germogli si trovino sempre allo stesso punto…

Abbiate pazienza, in 15/20 giorni avrete il vostro praticello in vaso! :-)

About these ads