Quando si hanno a disposizione delle mele cotogne non si può non utilizzarne qualcuna per preparare la cotognata! Si tratta di rivivere gesti che ci riportano all’infanzia, che ci ricordano le nostre nonne, e poi le mamme, intente in cucina a prepararla e a decantarne le proprietà nutritive.

Le caramelle di cotognata mi ricordano le cose semplici, mi scrive Carla su Instagram, l’autunno in campagna, la sua luce dorata e radente e l’aria frizzante, i buoni sapori di una volta, la mia adorata nonna… Come descriverle meglio di così?

Caramelle di cotognata

Ingredienti per (circa) tre barattoli di caramelle – 2 kg mele cotogne; 600 g zucchero (per ogni Kg di purea di mele ottenuta) + zucchero q.b. per ricoprire le caramelle; 1 limone; acqua.

Esecuzione – Lavare accuratamente le mele con uno spazzolino per eliminare la peluria. Tagliarle a pezzi eliminando la parte con i semi e lasciando la buccia. Metterle sul fuoco in una pentola con un bicchiere d’acqua o quanto ne serve per lasciare ammorbidire le mele. Ridurle a purea con un passaverdura o un frullatore. Pesare e aggiungere 600 g di zucchero (per ogni Kg di purea di mele ottenuta) e il succo di un limone. Cuocere a fuoco medio finché non si noti la confettura scivolare sul fondo della pentola mentre la si mescola con un cucchiaio di legno.  Una volta pronta, versare la confettura in una teglia, in modo che lo spessore risulti di un centimetro circa. Lasciar raffreddare, sformare dalla teglia e tagliare a cubetti. Ripassare in forno a 120°, lasciando uno spiraglio aperto, finché le caramelle non risultino asciutte. Passare nello zucchero semolato e conservare in barattolo di vetro o scatola di latta. Idea creativa: stampare delle tavole botaniche del cotogno (cydonia oblonga) e infilarle nei barattoli prima di riempirli di caramelle e regalarli.

Advertisements