Tag

, , ,

luna_piena

Quella sera c’era la luna piena… Brillava sul Giardino Inglese, e il Cedro del Libano l’avvolgeva accarezzando la sua aura magica.

Quel giorno, 8 settembre 2014, ricorreva il bicentenario della morte di Maria Carolina, la regina che quel giardino l’aveva fortemente voluto, insieme ai numerosi simboli massonici, più o meno nascosti, di cui quel luogo è ancora costellato.

Una regina illuminata, che diede impulso ad esperimenti innovativi, come la Real Colonia di San Leucio, primo esempio di repubblica socialista della storia contemporanea. Una regina illuminata, che ha cominciato a spegnersi solo dopo la tragica morte di Maria Antonietta sua sorella.

C’era la luna piena quella sera, e nessuno ha ricordato la morte di Maria Carolina…

Ma c’erano gli alberi del suo giardino, antiche e maestose presenze scultoree, che sono sopravvissute a lei e che sopravviveranno a noi, c’era il laghetto di una meravigliosa Venere consapevole di abitare in uno dei luoghi più magici al mondo, c’era la chiesetta gotica, e il rudere sulle ninfee. E c’era il criptoportico, simbolo di un classicismo risvegliato dalle scoperte di Pompei ed Ercolano, che mi fa pensare che di esoterico in fondo non c’era nulla… O forse sì…

Non è stata ricordata la morte di Maria Carolina quel giorno, ma c’erano gli alberi secolari, il laghetto, Venere, la cascata, il ponte, la chiesetta gotica, e ancora… i finti ruderi, i crolli… E poi c’era quella luna piena…

atteone_e_venere

reggia_caserta

Fino al 4 ottobre, la Reggia di Caserta offre ai visitatori il suggestivo spettacolo dei Percorsi di luce – il ritorno del Settecento. Un’occasione unica per avvicinarsi alla bellezza di un Parco storico tra i più belli al mondo, per apprezzare la Storia, l’Arte, l’Architettura, procedendo lungo la via d’acqua del giardino all’italiana, soffermandosi davanti alle celebri fontane, e inoltrandosi finalmente lungo i sentieri del meraviglioso Giardino Inglese, il giardino di Maria Carolina.

statua_criptoportico

Annunci