Tag

, , , ,

il_giardino_dei_miei_sogni

ph. credit: Good Housekeeping

Si chiama Il giardino dei miei sogni (The outdoor room, il titolo originale). E’ il programma televisivo a tema giardino che sto guardando in questo periodo. Be’, di ritorno da pochi giorni dagli States, impressionata (ogni volta!) dalla cura del verde pubblico (?) di un Paese dove tutto sembra funzionare alla perfezione, e curiosa di sapere cosa nascondano gli americani nel retro delle loro case, il programma è caduto proprio a fagiolo!

Un paesaggista americano gira in lungo e in largo gli Stati Uniti alla ricerca dell’ispirazione giusta per progettare i giardini dei suoi committenti. Indovinatissima la combinazione del suo lavoro con la passione per i viaggi. In ogni puntata della serie in onda su Lei (canale Sky), Jamie  Durie, questo il nome del designer, sceglie il tema del progetto ascoltando innanzitutto le esigenze dei proprietari del giardino da ridisegnare, ma anche assecondando il suo personale desiderio di visitare un luogo mai visto prima, da dove trae idee e spunti che riporta poi nei suoi disegni. Risultato: se siamo appassionati di giardini e al contempo desiderosi di girovagare un po’ per gli Stati Uniti, questo è il programma giusto per noi!

Come c’è da aspettarsi, in un Paese dove non si costruisce pensando a qualcosa che sopravviva a noi stessi, il materiale più utilizzato è il legno, in casa come in giardino. Tavolati per camminamenti dalla casa alle varie zone del giardino, e vere e proprie stanze a cielo aperto che diventano prolungamenti dell’abitazione (da qui il titolo originale!) . C’è anche un po’ di Europa alle volte, come nel progetto ispirato dallo stile delle case di New Orleans, dove è possibile trovare qualche elemento che riporta allo stile italiano e francese, ma per lo più si tratta di giardini che sono altro da quelli a cui siamo abituati, ma che trovo davvero utile guardare. Per allargare i nostri orizzonti e per riflettere su alcune trovate che rendono il giardino molto funzionale. E su questo credo che dagli Americani possiamo davvero imparare molto!