Tag

, , , , ,

Da una rosa di campagna non ci si aspetterebbe mai una tale pomposità, eppure le vostre nonne potrebbero confermarvi che non esisteva un tempo giardino o cortile in cui una rosa del genere non desse sfoggio della sua magnificenza! Per il gran numero di petali, che fa sì che il fiore non riesca ad aprirsi mai del tutto, loro la chiamavano rosa incappucciata, e non a caso la rosa centifolia prende anche il nome di cabbage rose (ovvero rosa cavolo), oltre a quello di rosa di Provenza che ne indicherebbe le sue origini più recenti.

In verità questa rosa ha origini ben più antiche. Era una centifolia quella profumatissima rosa di Paestum decantata da Plinio il Vecchio nel I sec. d.C.. Ma di questa rosa parla addirittura ancor prima Erodoto nel V sec. a.C.!

La rosa centifolia si distingue anche per l’intenso profumo, che annuncia la sua presenza ancor prima che il nostro sguardo venga inevitabilmente irretito da quelle coppe di infiniti petali.