Tag

, , , , ,

Albero di Natale. Country. E non solo “stile country”, ma “country” nel vero senso della parola. Ovvero questo è l’albero di Natale pensato per la mia casa in campagna! E’ il mio primo albero quest’anno, gli altri saranno alberi cittadini, e per quanto sicuramente più curati, sono sicura che non eguaglieranno la bellezza di questo semplicissimo ramo secco decorato con pigne e nastri a quadretti ricavati da, indovinate?, uno strofinaccio da cucina! Sì proprio così! E’ che la prima domenica d’Avvento è stato deciso tutto così in fretta: la giornata era splendida per non decidere di trascorrerla all’aria aperta! E così, mentre preparavo in fretta tutto ciò di cui avrei avuto bisogno per preparare il pranzo di bambini e adulti, ho messo in borsa anche delle pigne prelevate dal materiale naturale raccolto per le decorazioni natalizie di quest’anno, pensando che avrei potuto utilizzarle per decorare quel ramo a forma di abete che alla fine di agosto – quando mettiamo a posto la legna per l’inverno – ho salvato per un pelo dalle mani di mio fratello che stavano per spezzarlo. Ma mi mancava del nastro carino per appendere le pigne, sapete, di quelli a quadretti che danno quel delizioso tocco country che era proprio quello che volevo conferire al mio albero. Che volete, gli altri erano già quasi saliti in macchina e io, guardandomi intorno l’ultima volta prima di uscire di casa, ho trovato quello che cercavo: uno strofinaccio a quadretti bianco e rosso, troppo consumato per sentirsi in colpa nel doverlo strappare per ricavarne dei nastri! Ho infilato anche quello in borsa e via!

Quest’albero di Natale si prepara in un attimo (io sono stata costretta a farlo in pochissimi minuti, perchè avevamo da piantare urgentemente due cerri prima che facesse buio!). D’altronde, non dovrebbe in alcun modo essere altrimenti, essendo un albero campagnolo che per definizione deve distinguersi per la sua semplicità e quindi da addobbare velocemente!

Occorrente: un ramo secco alto un paio di metri di una bella forma approssimativamente conica, una cesta di vimini o contenitore in legno o altro materiale naturale, alcuni sassi, pigne, strofinaccio da cucina.
Sistemate l’albero, ovvero il ramo, nella cesta fissandolo con dei sassi (potete utilizzare anche della terra o della sabbia, ovviamente. Io ho utilizzati dei sassi semplicemente perché purtroppo il terreno che circonda la mia casa in campagna ne è pieno, anzi se qualcuno di voi desidera lberarmene, gli offro in cambio pranzo e cena per un’intera settimana!) Strappate lo strofinaccio ricavando delle striscioline alte un centimetri circa. Vedrete che l’effetto sarà di nastri con bordi sfilacciati, che è proprio ciò che vogliamo ottenere! Vi basta ora legare le pigne con i nastri ottenuti e appenderle all’albero che va possibilmente posizionato, se l’avere, accanto ad un camino in mattoni che accentuerà l’effetto campagnolo.

Questo tipo di albero può andar bene anche in città, magari in una cucina rustica o anche bianca. Se avete un po’ di tempo in più potete passare qua e la sul ramo delle pennellate di tempera bianca oppure spruzzarci su della neve sintetica. Inoltre non è detto poi che dobbiamo necessariamente utilizzare il ramo per farne un albero di Natale. Potrete decorare allo stesso modo anche rami più piccoli che sistemerete su una mensola, un tavolino o un altro piano d’appoggio. In questi caso, come base utilizzerei un barattolo di vetro riempito di sassolini bianchi. Sisì, effetto molto bello anche così!

Annunci