Tag

, , , , , ,

E questa è la mia corona dell’Avvento… naturale (ma va?) e minimal (sempre più!). Che volete, dopo aver fatto diversi giri nei vari castelli di Babbo Natale, con decorazioni da favola di ogni genere e colore e soprattutto costosissime (!), un po’ di nausea credo sarebbe venuta a chiunque! E più i negozi esagerano con materiali, luci e colori, più io immagino un Natale semplice, o forse, semplicemente meraviglioso, voglio dire, meraviglioso in modo semplice, ecco! :-)

La mia corona quest’anno è un cestino in ferro, con piccoli vasi di cotto, candele, rami e pigne di cipresso. Per realizzarla bastano 10/15 minuti (giuro!), ovviamente avendo a portata di mano tutto il materiale che avrete precedentemente raccolto: cestino in ferro (è un investimento di appena una decina d’euro che vi consiglio di fare: potrete utilizzarlo in diverse occasioni durante l’anno e normalmente come contenitore in cui riporre i vostri vasetti di cotto, che sono deliziosi da mostrare anche vuoti!); pigne (raccolte nel cortile della scuola dei vostri bambini, al parco o dove vi capita!); rami di cipresso (nel parcheggio del posto dove lavorate, proprio lì, vicino alla ruota anteriore destra della vostra auto. Davvero, non sto scherzando, io li ho trovati proprio lì!); 4 candele rosse (se lasciate che scelgano i bambini, altrimenti bianche!); almeno quattro vasetti di cotto (di quelli dei ciclamini comprati gli anni passati; non buttateli mai, capito?); spugna da fiorista (potete trovarla nei negozietti “tutto a 50” ex “tutto a mille” oltre che, indovinate?, dal vosto fiorista!)

Dunque, cominciate col tagliare la spugna in modo che entri nei vasetti dove la incastrerete dopo averla bagnata. Infilate le candele al centro della spugna e i rametti di cipresso tutto intorno. Adagiate i vasetti nel cestino, aggiungetene anche di vuoti, ché come vi dicevo, sono bellissimi anche così, e ultimate con una “spolverata” di pigne di cipresso.

Domani accenderete la prima candela, ne accenderete due la seconda domenica d’Avvento, e così via, fino a tenerle accese tutte e quattro durante la vostra notte di Natale… natural style! E, mi raccomando, lasciate perdere tutte quelle decorazioni ultra plasticose di cui vi stancherete già l’anno prossimo!