Tag

, ,

Questi pomodori (vesuviani o Piccadilly) hanno proprio riunito una famiglia! Mia cognata ne ha portato dei grappoli qualche mese fa, mia suocera ha raccolto e piantato i semi, io ho rifornito le piantine di terra e acqua, e infine mio figlio (che giustamente si prende sempre la parte migliore!) ha raccolto i frutti!

Stavo giusto per decidermi di non programmare una nuova semina per il prossimo anno, avendo i pomodori un irrefrenabile bisogno d’acqua proprio nel periodo in cui tu magari non sei a casa ma ti godi una meritata (?) vacanza! Quest’anno, infatti, se mio marito non avesse fatto avanti e indietro tra casa-vacanze e casa-città,  credo che avrei lasciato che le mie piante di pomodoro perissero una ad una, oppure avrei cercato per tempo qualcuno che le adottasse, o forse le avrei regalate a qualche amico che avrebbe trascorso le vacanze in città, ma guardando il mio bimbo con le sue forbicine che raccoglie “solo quelli rossi, mamma?” credo che magari un angolino del mio orto-balcone lo riserverò loro di nuovo l’anno prossimo…

Se state decidendo anche voi di coltivare pomodori, cominciate a ricavare da ora i semi di qualche varietà che vi è piaciuta particolarmente (io penso che proverò con i ciliegini).  Utilizzate un colino per lavarli dalla polpa, in modo che asciugando risultino ben sciolti fra loro e teneteli da parte assicurandovi che non siano umidi (per evitare che ammuffiscano). 

E ora, ricetta veloce veloce: bruschette di pomodorini confit. Tagliate a metà i pomodori, poneteli in una teglia e conditeli con sale, olio extra vergine, origano, aglio e zucchero. Cuocete in forno a 130° per un’ora circa. Abbrustolite delle fette di pane casereccio e conditele con i pomodori caramellati.

Penso che si possa ottenere lo stesso risultato lasciando i pomodorini “cuocere” al sole anzichè nel forno, anzi credo che in passato si facesse proprio così  e con il caldo degli ultimi due o tre giorni queste bruschette mi sembrano proprio bruciate dal sole!