Tag

, , , , , ,

Ve la presento… questa è Nandina… Bella, eh? Per me è stato un colpo di fulmine!

L’ho conosciuta al vivaio forestale di Sant’Andrea di Conza… Ricordate la mia richiesta di piantine? Avevo ricevuto risposta di assegnazione qualche tempo fa… (vedi qui) e appena è stato possibile mi sono organizzata per andare a ritirarle.

Una gita! Per me è stata una vera e propria GITA! Di quelle organizzate dalla scuola che frequentavo qualche secolo fa (mamma mia, quanto tempo è passato?). Sveglia presto, alle 6,00, e questa volta non perchè sei un adolescente che deve calcolare almeno mezz’ora davanti allo specchio, ma perchè hai una casa che devi lasciare abbastanza in ordine altrimenti al rientro ti si rizzano i capelli sulla testa; magari c’è anche il bucato da stendere perchè la lavatrice la metti in moto di notte così risparmi sulla corrente elettrica! E perchè hai dei figli che devi aiutare a prepararsi per poi accompagnarli a scuola, che se si accorgono che tu hai un po’ fretta, allora rallentano in un modo sconcertante e cominciano tutta la serie di capricci che tengono conservati per i momenti più adatti!  E i compagni d’avventura questa volta non sono quelli di scuola, ma magari un parente dotato di auto con ampio bagagliaio per accogliere tutte le piantine, che sono abbastanza numerose (100 solo quelle di piracanta!)

Comunque, appena arrivati al vivaio, non ero in me dalla gioia nel vedere tutte quelle piante in fitocella addossate le une alle altre aspettando che arrivasse il loro “benefattore”. Ho cominciato a gironzolare tutto intorno scattando foto a destra e a manca sotto lo sguardo attonito degli impiegati che intanto sistemavano le piante nell’auto…

E poi… e poi ho visto lei (in una gita scolastica ci sta pure il colpo di fulmine, no?): una pianta di nome Nandina, con foglie di colore rosso fuoco. Bellissima! Che mi è stata assegnata pur non avendola richiesta. Sapevano già che me ne sarei innamorata…