Tag

, , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , , ,

Non so voi che rimedio adottiate quando vi sentite un po’ stressati e avete bisogno di scaricare la tensione. Spero non lo stesso di un mio amico che pensa bene di recarsi al bar per un caffè ;-)! Io un rimedio che funziona davvero l’ho trovato: quando proprio sono al limite, allora mi reco al vivaio più vicino per guardare i nuovi arrivi e magari comprare qualcosa… e in un attimo faccio pace con il mondo!

Questa volta ciò che mi ha colpito di più durante la mia passeggiata al vivaio è stata la piracanta. E’ già un po’ di tempo che questa pianta mi interessa, quindi avevo raccolto già molte informazioni su di essa.

Quello che mi piace della piracanta è che che si tratta di una pianta molto rustica e quindi facile da coltivare. Essendo un po’ spinosa, viene utilizzata spesso per creare siepi impenetrabili, ed è proprio per questo motivo che l’ho scelta per piantarla in montagna, dove abbiamo deciso di non delimitare il terreno con recinzioni varie, ma appunto con una siepe di piracanta. 

In primavera questa adorabile pianta si riempie di fiorellini bianchi e in autunno di bacche di un colore che va dal rosso, all’arancio o anche al giallo. Non dovrebbe essere potata drasticamente altrimenti si rischia di perderne i fiori o i frutti. 

Le piantine che ho visto al vivaio erano alte al massimo una trentina di centimetri, ma avevano sopra un’infinità di bacche. Il prezzo però mi sembrava eccessivo: 14,90 euro. Pensate che per la mia siepe in montagna ho fatto una richiesta al vivaio forestale di duecento piantine che mi costeranno in tutto 40 euro! Saranno sicuramente minuscole, ma sono sicura che nel giro di due anni metterano anche le prime bacche, o almeno lo spero!

Al vivaio c’erano anche delle piante di celestino (plumbago) che ogni volta mi chiedo se comprare oppure no. Non lo faccio perchè aspetto sempre di trovarne un esemplare con l’azzurro dei fiori più intenso. Mi sono soffermata poi su delle piantine di lavanda. Ovviamente non erano fiorite, ma in agosto mi sono imbattuta in una siepe fiorita di lavanda a Rocca San Felice (AV) e me ne sono innamorata. Lasciate che trovi il luogo adatto e avrò anch’io la mia siepe di lavanda! C’erano infine degli alberelli di ulivo di varie dimensioni. Ecco, mi piacerebbe comprarne uno per il mio terrazzino. Lo trovo molto decorativo, magari in un bel vaso di terracotta e circondato da qualche fiorellino stagionale.

Ho fatto anche un giro nel reparto arredo giardino. Avrei comprato seduta stante un tavolo in legno con ombrellone. Era enorme e quindi , avendo tanto spazio al centro, l’ho immaginato subito per una cena all’aperto con gli amici. Benissimo, mi sono detta, siamo appena a novembre  e già si pensa alle cenette estive :D.

Uscita dal vivaio mi sentivo molto meglio, e per fortuna non avevo il portafogli vuoto… Ho comprato solo delle viole del pensiero di cui vi parlerò prossimamente…