Tag

, ,

Una mia cara collega si meraviglia del fatto che nelle nostre cucine non giungano continuamente delle zucche in questo periodo, regalo di conoscenti compaesani. Ovviamente dimentica che purtroppo non tutti abbiamo la fortuna di vivere  in realtà che conservano ancora, almeno in parte,  le loro origini contadine e che, se abbiamo voglia ad esempio di un risotto alla zucca, dobbiamo prima recarci dal fruttivendolo.

Devo dire che a volte una zucca arriva anche a me da parte di mia suocera, la quale conosce bene l’uso che ne faccio per festeggiare Halloween con i miei figli…

Il mese di ottobre lo associo subito all’immagine della zucca, e sento veramente urgente in questo periodo il desiderio di cucinarla. Quando poi la mia fortunata collega ci ha parlato della sua marmellata di zucca non ho saputo resistere: ottenuta la ricetta e recuperati gli ingredienti mi sono subito cimentata.

Dunque, per prima cosa ho tagliato 1Kg di zucca a pezzetti , che ho messo a macerare insieme a 200 g di zucchero per un’intera notte. Poi ho aggiunto la buccia grattugiata di 1 limone, un pizzico di noce moscata, e ho cotto il tutto per circa 1 ora e mezza. A metà cottura ho passato il composto al passaverdure per ottenere una marmellata più omogenea. A cottura ultimata ho aggiunto 100 g di mandorle tostate che ho pestato grossolanamente, e subito messo in barattolo.

Sono soddisfatta del risultato ottenuto. Immagino che si possano tranquillamente sostituire le mandorle con le noci e la noce moscata con la cannella. Forse gli accoppiamenti più indovinati sono proprio mandorle-cannella e noci-noce moscata. Non ho ancora provato, ma l’ideale secondo me sarebbe consumare la marmellata su fette di pane casereccio spalmate di ricotta. Vi farò sapere…

Ah, dimenticavo. Ho pensato anche ad un nome carino per questa marmellata. Che ne dite di “Zucca crocca“?